Collezione Protopapa

Nel 2014 è giunta alla Fondazione Federico Zeri la collezione del restauratore e conoscitore milanese Alberto Protopapa (1953-1993), attraverso Donald Prochera suo esecutore testamentario.

Essa è costituita da 364 fototipi (positivi, negativi, diacolor e polaroid) e 515 allegati (fotocopie di dipinti, estratti da libri e cataloghi d’asta, appunti manoscritti e dattiloscritti) che documentano opere d’arte realizzate su supporti non convenzionali, quali lavagna, marmo, rame, vetro, da artisti sia italiani sia stranieri fra il XVI e il XVIII secolo.

La collezione è stata creata da Alberto Protopapa, sotto la guida di Federico Zeri, fra il 1990 e il 1993. Scopo del lavoro era la costruzione di un catalogo enciclopedico di questa tipologia di opere pittoriche. La sua biblioteca si trova invece all'Istituto per La Storia dell'Arte Lombarda di Milano.

I materiali sono contenuti in 8 raccoglitori e 12 cartelline e sono ordinati alfabeticamente, per autori e scuole, tematicamente per derivazioni iconografiche, e topograficamente. Uno dei raccoglitori comprende esclusivamente 32 fogli dattiloscritti con un elenco di opere più ampio rispetto a quelle documentate nella raccolta.

Il fondo è attualmente in fase di riordino. Una descrizione archivistica completa verrà resa disponibile online da ottobre 2020.