La Fototeca Gibbs

Nel 2018 Robert Gibbs, storico dell'arte britannico, professore emerito e Honorary Senior Research Fellow di storia dell'arte presso l'Università di Glasgow, ha donato alla Fondazione Federico Zeri la sua ricca fototeca. Un gesto che testimonia la lunga frequentazione di Bologna e delle sue istituzioni culturali e la stima per la Fondazione.
Avviata intorno al 1968, la collezione riflette gli interessi e le ricerche dello studioso, incentrati sulla pittura e miniatura bolognesi ed emiliane del Trecento.
In particolare, la fototeca documenta in modo pressoché esaustivo la produzione di artisti come Lippo di Dalmasio e Tommaso da Modena, i rapporti tra la miniatura di codici legali bolognesi e quella di altri grandi centri europei, soprattutto francesi e nordici, e la diffusione dell'arte di Vitale da Bologna e dei suoi seguaci in Friuli, Slovenia, Austria e Slovacchia.
Per la varietà dei materiali fotografici, per la maggior parte realizzati dallo stesso studioso e corredati di note e appunti manoscritti, la fototeca di Gibbs integra e arricchisce notevolmente le sezioni Pittura italiana, per il XIV secolo, e Miniatura della Fototeca Zeri.

Le fotografie sono in corso di inventariazione. Seguiranno il riordino dei materiali, secondo la classificazione originaria (cronologica, per artisti e per località) pensata dallo studioso, e la schedatura del fondo.