Chi siamo

La Fondazione Federico Zeri è un centro di ricerca e di formazione specialistica nel campo della Storia dell'arte. È stata istituita nel 1999 dall'Università di Bologna con lo scopo di tutelare e divulgare l'opera e la figura di Federico Zeri, conservare e valorizzare lo straordinario lascito dello studioso: la Biblioteca (46.000 volumi, 37.000 cataloghi d'asta) e la Fototeca (290.000 fotografie di opere d'arte).
Partendo da questo patrimonio, la Fondazione ha individuato e ampliato gli ambiti di interesse e di ricerca divenendo un punto di riferimento nei seguenti campi: pittura e scultura italiana italiana dal XIII al XVIII secolo, archivi fotografici e banche dati dei beni artistici, biblioteche d’autore, tutela e catalogazione, digital humanities.
Per rendere disponibili alla comunità scientifica le proprie raccolte, la Fondazione ha intrapreso un innovativo progetto per la catalogazione informatizzata dei nuclei più significativi della fototeca e della biblioteca. Questo ha portato alla creazione di banche dati digitali ricchissime, con immagini di grande qualità e documenti preziosi, accessibili gratuitamente online su questo sito web.

Alle collezioni originarie, nel corso degli anni, si sono aggiunte nuove donazioni di importanti raccolte fotografiche e librarie che, insieme all’acquisto di volumi per la biblioteca, hanno incrementato il patrimonio della Fondazione, oggi composto da 360.600 fotografie, 55.000 libri e 41.000 cataloghi d’asta.

 

Il Catalogo della Fototeca Zeri è oggi considerato il più importante e affidabile repertorio sull'arte italiana presente nel web con oltre 170.000 immagini, in continuo incremento, di opere di pittura e scultura italiana e dipinti di natura morta.
La Biblioteca Zeri, è inserita nel Sistema Bibliotecario Nazionale (Opac SBN),  è inoltre in corso la catalogazione della raccolta di Cataloghi d'asta, che ha portato alla realizzazione del primo database specifico dedicato a questa tipologia di materiali, perfettamente integrato con il catalogo della fototeca.

Investire sulle tecnologie digitali e sull'accessibilità online alle risorse per la ricerca si è rivelata una scelta vincente, riconosciuta a livello internazionale. Una sfida importante, ma innanzitutto un impegno a garantire la fruizione più ampia possibile di un patrimonio inestimabile, in particolare per i giovani che intraprendono oggi gli studi di Storia dell'arte.

A questo impegno si affianca un'intensa attività di formazione e di ricerca.
La Fondazione organizza summer school e seminari di formazione specialistica su temi legati alla storia dell’arte e agli archivi fotografici, rivolti a studiosi, studenti e a esperti del settore degli archivi fotografici e delle biblioteche.  I corsi della Fondazione rappresentano un’importante occasione di specializzazione, arricchimento e confronto, complementare alla didattica universitaria. 
La Fondazione promuove inoltre borse di studio, convegni e pubblicazioni scientifiche, conferenze e incontri di alta divulgazione aperti al pubblico.

La Fondazione Federico Zeri è content provider di Europeana, fa parte del RIHA, the International Association of Research Institutes in the History of Art, partecipa ai seguenti gruppi di ricerca internazionali: ARTchives - Centro di ricerca per la storia della storia dell’arte; PHAROS - Photo Archives Online Search Consortium; BYZART - Byzantine Art and Archaeology Thematic Channel; ZERI & LODE – Per la trasformazione del catalogo Zeri in Linked Open Data.

La sede della Fondazione è nel convento rinascimentale di Santa Cristina nel centro storico di Bologna. Nello stesso complesso si trova il Dipartimento delle Arti dell'Università. I due istituti costituiscono insieme un polo scientifico di primaria importanza che consente le più ampie possibilità di ricerca nel campo delle arti visive.