Tra Norcia e Camerino. Una terra ferita, un patrimonio da salvare

Summer School a cura di Alessandro Delpriori e Andrea De Marchi

Spoleto | Norcia | Camerino | Matelica
2-8 luglio 2017

Promossa da Fondazione Federico Zeri
con il patrocinio di Regione Marche, Regione Umbria, Polo Museale dell'Umbria,
Comune di Camerino, Comune di Matelica, Comune di Norcia, Comune di Spoleto, Università di Camerino
 

 gallery

Tra le alte valli del Nera e del Chienti, fra la piana di Norcia e le alture di Camerino, un’intera civiltà rischia di morire dopo le lesioni inferte dal sisma del 30 ottobre 2016 al tessuto storico dei paesi e a tantissimi monumenti. Norcia, Visso, Camerino sono nomi di città che evocano una cultura figurativa di intensa originalità, fra Umbria e Marche, che conobbe il suo vertice fra l’ultimo Medioevo e il primo Rinascimento. Su quel tessuto minore già si chinò Federico Zeri dopo il terremoto del 1997. Il documentario Non solo Assisi, di cui fu protagonista, invitava a non dimenticare quel mondo appartato, a percorrere i sentieri più impervi che si diramano tutt’intorno ai monti della Sibilla, ricchi ancora di opere d’arte. Le speranze di ripresa dell’economia silvo-pastorale e di un turismo alternativo sembrano soffocate dagli ultimi drammatici eventi. Forse è possibile trasformarli nell’opportunità di un riscatto che parta dalle risorse della memoria e del patrimonio diffuso, dove il fascino aspro della produzione figurativa, all’incrocio di tradizioni disparate, è moltiplicato dalla suggestione ancestrale di un paesaggio vasto, accidentato, a tratti ancora selvatico.

La Summer School, con base a Spoleto, Norcia, Camerino e Matelica, si propone di far conoscere la specificità di questo territorio ricco di storia e di arte, unendo lezioni in aula e visite sul campo, l’analisi storico-filologica e la riflessione sui problemi di oggi. Si cerca così di contribuire a lanciare la sfida per una valorizzazione rispettosa dei contesti e delle identità, che potrebbe divenire un modello.

La Fondazione Federico Zeri promuove un'intensa attività di alta formazione nel campo della storia dell'arte.
Le Summer School hanno l'intento di approfondire temi legati alla storia dell'arte nelle Marche e nell'Umbria e valorizzare emergenze artistiche presenti in questi territori, cari agli studi di Zeri.
I programmi prevedono lezioni frontali integrate da visite a monumenti, musei, centri urbani in stretta collaborazione con le istituzioni locali.


Programma aggiornato

Domenica 2 luglio | Spoleto

14.00-18.00
Visite: Duomo, Museo Diocesano, chiesa di San Gregorio Maggiore, monastero della Stella, chiesa di San Domenico,  chiesa di San Ponziano
Accompagnano Alessandro Delpriori e Andrea De Marchi

Lunedì 3 luglio |Spoleto

9.30-13.00
Visite: deposito attrezzato di Santo Chiodo, Rocca Albornoz, Museo Nazionale del Ducato

14.00-18.30 Rocca Albornoz
Pier Luigi Falaschi, storico 
Camerino, i da Varano e una vasta rete di relazioni politico-diplomatiche a cavaliere dell'Appennino

Bruno Toscano, Università di Roma Tre, emerito
Manuali per il territorio, 1, 1977: Valnerina come laboratorio

Romano Cordella, storico dell'arte
Immagini, iscrizioni, memorie: storie raccontate sui muri e sulle pietre

Andrea De Marchi, Università di Firenze
Alcuni contesti lacerati, alcune ricomposizioni ideali

Alessandro Delpriori, Università di Camerino
Pitture e sculture fiorentine spedite in Valle Oblita (secc. XIV-XVI)

Maria Rita Silvestrelli, Università per Stranieri di Perugia
Eremi e santuari, beati e beate, immagini della santità e paesaggi interiori

Martedì 4 luglio

9.00-14.00
Visite a Castel san FeliceVallo di Nera: chiesa di Santa Maria; Norcia: chiesa di Santa Scolastica e centro storico
Accompagna Romano Cordella

16.00 Norcia, Centro polifunzionale Boeri

Romano Cordella
Ettore Sannipoli, storico dell'arte
Terremoto e cultura sismica. Norcia e Gubbio, due realtà a confronto

Antonio Borri, Università di Perugia
Chiese ed affreschi della Valnerina, dalla "conservazione" ai crolli

17.30 Dibattito sul sisma: emergenza e restauri
Interventi di Gabriele Barucca, Romano Cordella, Alessandro Delpriori, Sergio Fusetti, Bernardino Sperandio, Bruno Toscano, Maria Angela Turchetti
Partecipa Antonia Pasqua Recchia, Segretario Generale Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo
Introduce Nicola Alemanno, Sindaco di Norcia
Modera Marco Pierini, direttore Galleria Nazionale dell'Umbria

Mercoledì 5 luglio | Norcia

9.00-13.00  Centro polifunzionale Boeri
Guido Tigler, Università di Firenze
La maestranza dei portali francescani delle Marche meridionali

Fulvio Cervini, Università di Firenze
Gotico alternativo fra Nera e Chienti

Alessandro Delpriori
La brigata nursina del 1442, Paolo da Visso e gli Sparapane

Giancarlo Gentilini, Università di Perugia
La scultura rinascimentale dell'Umbria e le strade verso l'Abruzzo

Aldo Galli, Università di Trento
Crocifissi tedeschi in Italia. Vita e opere di Paolo e Giovanni, scultori erranti

14.30 Visita a Castelluccio di Norcia: Piano Grande
19.00 arrivo a Matelica

Giovedì 6 luglio

9.00-13.00
Visita a Visso: centro storico; santuario della Madonna di Macereto

14.00-17.00 Matelica, Museo Aperto
Fulvio Cervini, Alessandro Delpriori
Il connubio fra scultura e pittura in età gotica: tabernacoli, policromie, complessi smembrati

Emanuele Zappasodi, Università di Firenze
Assisi riverberata: pittura a cavallo del 1300 fra Umbria e Marche

Andrea De Marchi
Il Maestro di Cesi, un percorso esemplare

17.30 Visita al deposito attrezzato Matelica Museo Aperto

21.00 Teatro Giuseppe Piermarini
Proiezione del documentario Non solo Assisi di Nino Criscenti (52', Rai, 1997)
Sarà presente l'autore

Venerdì 7 luglio| Camerino

9.00-13.00 Campus Universitario
Andrea De Marchi
Giovanni Angelo d'Antonio e Giovanni Boccati a Camerino, un sodalizio e un crocevia, con Firenze e Padova all'orizzonte

Andrea Di Lorenzo, Museo Poldi Pezzoli, Milano
Gli artisti camerinesi nei carteggi medicei e la mostra del 2002: un caso di metodo

Matteo Mazzalupi, Università di Firenze
Pittori e committenti a Camerino nel Rinascimento: un bilancio di quindici anni di ricerche

Emanuela Daffra, Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo
La seconda stagione di Carlo Crivelli a Camerino e oltre

Gabriele Barucca, Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici delle Marche
L'oreficeria nella Marca di Camerino tra Quattro e Cinquecento

14.00-18.00
Visite a Camerino; Gagliole: santuario di Santa Maria delle Macchie
Accompagna Barbara Mastrocola, curatrice Pinacoteca e Museo Civico di Camerino

21.00 Matelica, Teatro Giuseppe Piermarini
Radici: testimonianze fra memorie e attualità
Interventi di Bruno Brusciotti, Romano Cordella, don Sergio Corradini, Sergio Cortesini, Pier Luigi Falaschi, Angelo Ferracuti, Elisabetta Giffi, Barbara Mastrocola,Matteo Mazzalupi
Modera Giuseppe De Rosa, direttore di "Orizzonti della Marca"

Sabato 8 luglio| Matelica

9.00-13.00 Museo Aperto
Alessandro Marchi, Polo Museale dell'Emilia Romagna
Pittori eccentrici del primo Cinquecento

Liliana Barroero, Università di Roma Tre
Ricerche in Umbria: presenze forestiere e autoctone nel Seicento

Anna Maria Ambrosini Massari, Università di Urbino
L'erudizione e la storiografia fra Otto e Novecento, da Amico Ricci a Bernardino Feliciangeli


Il programma potrebbe subire ulteriori variazioni vista l'attuale situazione di emergenza nei territori oggetto del corso.